800 60 85 99 02.66.26.70.01 Contatti
ITA | ENG

MUD, COME COMPILARLO ENTRO IL 30 APRILE 2018

Sono state rese note le istruzioni per la compilazione del MUD, Modello Unico di Dichiarazione Ambientale per l’anno 2018, che dovrà essere presentato entro lunedì 30 aprile.

Siamo però di fronte a una novità.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 dicembre 2017, inerente “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2018” sancisce la sostituzione del modulo di comunicazione anteriormente identificato come DPCM 17 dicembre 2014.

Per quanto riguarda la compilazione, infatti, per quest’anno, è stata prevista una nuova modulistica che sembra però non colmare le difficoltà riscontrate negli anni. La complessità sta nel fatto che la precedente modulistica non è sostituita, ma ad essa viene aggiunta una nuova serie di moduli da compilare per ciò che concerne i RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e i rifiuti di imballaggio. Aumentando così le difficoltà.

Secondo quando trasmesso dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, sarà necessario prestare particolare attenzione alla differente classificazione dei rifiuti.

QUALI SONO I SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DEL MUD 2016?

Secondo quanto stabilito, non si registrano variazioni rispetto al 2017 e restano immutati i soggetti obbligati:

Comunicazione Rifiuti speciali

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
  • commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
  • imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
  • imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi;
  • si ricorda inoltre che la Legge 28 dicembre 2015, n. 221 prevede che le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell’ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02 assolvono all’obbligo di presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale, di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, attraverso la compilazione e conservazione, in ordine cronologico, dei formulari di trasporto.

Comunicazione Veicoli Fuori Uso

  • Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

Comunicazione Imballaggi

  • Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all’articolo 221, comma 3, lettere a) e c);
  • sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazioni di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152.

Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

  • Soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005.

Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione

  • Soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati.

Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

  • Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

Come indicato da Ecocerved, le informazioni richieste nonché la modalità di compilazione e trasmissione della Comunicazione annuale sulle quantità di apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato nel corso del 2017 è rimasta immutata.

Per maggiori informazioni: http://mud.ecocerved.it/