02.66.26.70.01 Contatti
ITA | ENG

SISTRI, DECRETO MILLEPROROGHE: SLITTA ANCORA LA PENA (MA ATTENZIONE)!

Il DL 244 del 30/12/2016 (Milleproroghe) fa slittare ancora una volta l'applicabilità delle pene per l'omesso tracciamento telematico dei rifiuti fino al 31 dicembre 2017.

Invariati invece gli obblighi inerenti i registri di carico e scarico dei rifiuti, formulari di accompagnamento e MUD.

Sono comunque sanzionabili, del 50%, la mancata iscrizione al Sistri e il mancato versamento della quota annuale.

Nel dettaglio:

“Art. 12. Proroga di termini in materia di ambiente

1. All’articolo 11 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 3 -bis , primo periodo, le parole: «Fino al 31 dicembre 2016» sono sostituite con le seguenti: «Fino alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del concessionario individuato con le procedure di cui al comma 9 -bis , e comunque non oltre il 31 dicembre 2017,» e l’ultimo periodo è sostituito dal seguente: «Fino alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del concessionario individuato con le procedure di cui al comma 9 -bis , e comunque non oltre il 31 dicembre 2017, le sanzioni di cui all’articolo 260 -bis , commi 1 e 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono ridotte del 50 per cento.»;

b) al comma 9 -bis , sostituire, ovunque ricorrenti, le parole: «al 31 dicembre 2016» con le seguenti: «alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del concessionario individuato con le procedure di cui al presente comma, e comunque non oltre il 31 dicembre 2017»; alla fine del quarto periodo, dopo le parole: «10 milioni di euro per l’anno 2016» aggiungere le seguenti: «nonché nel limite massimo di 10 milioni di euro, in ragione — 19 — 30-12-2016 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 304 dell’effettivo espletamento del servizio svolto nel corso dell’anno 2017.»; al quinto periodo, sopprimere le parole: entro il 31 marzo 2016”.